Vai al contenuto

Madonna delle Vittorie, quando l’Ora del Garda e il Pelèr “soffiano” sul Trentodoc

27654896_1648862231848838_5679475210010239015_n.jpg

Sorge sulla sponda nord del Lago di Garda, ad Arco, in Trentino. Madonna delle Vittorie (cantina, frantoio, ristorante e Agritur) vanta 35 ettari di vigneti allevati a guyot in una zona particolarmente vocata per clima e varietà dei suoli. Basti pensare all’Ora del Garda (brezza proveniente da sud) e al Pelèr (da nord), che soffiano durante il giorno e la notte. I grappoli ne beneficiano alla grande, tenendo distanti muffe e malattie crittogamiche.

Ma non solo, dietro a questa realtà vinicola, rilevata da poco dalla famiglia Marzadro, storici distillatori di Brancolino di Nogaredo, c’è un lavoro enologico di prim’ordine, che ora si avvale dell’esperienza di Luciano Tranquillini, entrato da poco nello staff.11006_800371080031295_2204907847722327619_n

«Il nostro obbiettivo è quello di ricercare sempre l’eleganza, perché uno spumante deve avere tensione, acidità ma anche una certa raffinatezza», spiega Luciano Tranquillini. «Attualmente è in commercio un Trentodoc Brut che matura 36 mesi sui lieviti che non è stato seguito direttamente da me, ma presto usciremo anche con una Riserva, perché vogliamo portare anche un’altra idea di bollicina, magari più strutturata e profonda». Per ottenere ciò, l’azienda si sta “salendo in altura”: «Per le basi spumante ci concentreremo su uve della Vallagarina, proprio per dare ulteriore importanza al Trentodoc». «Insomma» conclude Tranquillini, «Nella mia idea di bollicine del Trentino, da una parte – con il Brut “tradizionale”– ci saranno una buona verticalità data dalla parte acida e un’ottima facilità di beva, mentre dall’alta – con la Riserva ci sarà una certa “sfericità”». img_5012.jpg

✅ L’assaggio. Lo spumante Trentodoc Millesimato 2013 di Madonna delle Vittorie si presenta un bel giallo paglierino tendente al dorato. Al naso si fa apprezzare per un naso delicato e un sorso particolarmente morbido, agrumato con una leggerissima ma intrigante nota erbacea. Ottimo per l’aperitivo, è perfetto con la paella alla valenciana.

Francesco Vigato Mostra tutti

Sono nato a Este, ridente cittadina della provincia di Padova, il 12 gennaio 1990.
Ex calciatore dilettante, mi sono avvicinato al mondo del giornalismo dopo gli esami di maturità. Dal 2009 collaboro con il Mattino di Padova, quotidiano che mi ha permesso di diventare Giornalista Pubblicista.
Ho conseguito la laurea in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Padova con una tesi in Diritto Costituzionale Tributario e attualmente svolgo il tirocinio forense in uno Studio Legale patavino.
Mi interesso di vino: amo i bianchi aromatici ma soprattutto le bollicine.

Un pensiero riguardo “Madonna delle Vittorie, quando l’Ora del Garda e il Pelèr “soffiano” sul Trentodoc Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: