Vai al contenuto

Un assaggio sorprendente: il Sangiovese diventa Metodo Classico con Riccardo Lepri della Tenuta Montauto

Si può produrre un Metodo Classico intrigante, di facile approccio e particolarmente beverino nella terra dei grandi rossi?

Foto-–-Vini-Montauto-in-Maremma-Toscana-Google-Chrome_2018-01-29_18-11-50.png
Riccardo Lepri

La risposta è «certo che sì!». E’ riuscito in questa piccola impresa il viticoltore toscano Riccardo Lepri che, a Manciano,  località della provincia di Grosseto, ha tirato fuori dal vitigno più rosso che ci sia, il Sangiovese, uno champenoise sorprendente.

Tanto sorprendente quanto la scelta di Lepri di proseguire la strada del nonno Enos, il primo a credere in un vitigno a bacca bianca, il Sauvignon, in una regione conosciuta in tutto il mondo per i Super Tuscan.

Foto-–-Vini-Montauto-in-Maremma-Toscana-Google-Chrome_2018-01-29_18-21-14
Tenute Montauto

«Non è facilissimo riuscire a farsi conoscere in una terra, la Toscana, resa celebre dai vini rossi», ammette Lepri, che ha iniziato a dedicare la sua vita all’azienda vitivinicola subito dopo la laurea in Economia. «Tuttavia, la composizione del suolo, argilloso e ricco di quarzo e la vicinanza al mare che porta brezze in grado di rinfrescare e asciugare gli acini, vanno a comporre un terroir perfetto per i vini bianchi».

 

«Ne ho avuto la conferma», prosegue. «in una degustazione che ha visto il nostro Sauvignon giocarsela quasi alla pari con i colleghi friulani». L’ escursione termica fra il giorno e la notte, si sa, è in grado di esaltare l’acidità, punto di partenza imprescindibile per una base spumante. In più, il buon corpo dato dal vitigno Sangiovese è risultato fondamentale per il Montauto Metodo Classico Brut (100% Sangiovese, 24 mesi sui lieviti), apprezzabile per il suo giallo paglierino con riflessi dorati e un naso non particolarmente complesso ma di grande freschezza. In bocca l’acidità si fa sentire preziosa, fragrante, delicata, con un tocco di mirtillo.28661159_10214605972450208_1869006591833134441_n

Il finale è molto asciutto e invita al rabbocco. Se è vero che il vino buono è quello che piace, Riccardo Lepri può soltanto dire “missione compiuta!”

 

Francesco Vigato

 

 

Francesco Vigato Mostra tutti

Sono nato a Este, ridente cittadina della provincia di Padova, il 12 gennaio 1990.
Ex calciatore dilettante, mi sono avvicinato al mondo del giornalismo dopo gli esami di maturità. Dal 2009 collaboro con il Mattino di Padova, quotidiano che mi ha permesso di diventare Giornalista Pubblicista.
Ho conseguito la laurea in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Padova con una tesi in Diritto Costituzionale Tributario e attualmente svolgo il tirocinio forense in uno Studio Legale patavino.
Mi interesso di vino: amo i bianchi aromatici ma soprattutto le bollicine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: