Vai al contenuto

Il Verdicchio metodo classico convince sempre di più: ecco Peter Luis, bollicina di casa Socci

Se c’è un vitigno fra quelli, per così dire, non convenzionali che mi ha convinto di più nella veste spumante è proprio il Verdicchio. Entrambe le espressioni assaggiate sinora – rigorosamente metodo classico – mi hanno entusiasmato senza “se” e senza “ma”.

37117825_10213468263997384_7313744884593065984_n
Marika Socci

Verdicchio che, nelle Marche, sulle colline fra Jesi e Matelica, trova le caratteristiche pedoclimatiche migliori per dare origine a uve (e vini) pregevoli.

Pare che le uve Verdicchio siano state introdotte nelle Marche nel medioevo da viticoltori veronesi. Verdicchio che sarebbe dunque il fratello gemello dei Trebbiano di Soave e Lugana, pur differenziandosene soprattutto sotto il profilo olfattivo.

Ma ciò che ci interessa è la grandissima eleganza che i vini da uve Verdicchio riescono ad esprimere nella versione champenoise.

img_5971.jpg

Fra i produttori più in vista di questo splendido vino c’è sicuramente Socci, piccola realtà di Castelplanio (provincia di Ancona), a 350 metri s.l.m. dove viene prodotto il Verdicchio dei Castelli di Jesi.

L’ Azienda Agricola Socci, nata nel 1973 dalla passione di Umberto Socci, è ancora oggi una delle migliori realtà marchigiane grazie all’impegno di Marika, che sulla collina di Montedeserto, non senza lungimiranza, dinamismo e bravura, è riuscita a valorizzare un terroir semplicemente speciale.

Ma nei vini di Socci c’è il cuore e una bella storia.

Quella della stessa Marika che, come tanti giovani, cercava un posto di lavoro in grado di assicurarle indipendenza economica, a costo di intraprendere un’attività lavorativa di consuetudini e abitudini. Il destino ha fatto il resto: la crisi economica le ha tolto il lavoro ma non la voglia e l’orgoglio. Ed ecco che, realizzando così gli auspici di papà, per Marika si sono spalancate le porte dell’azienda di famiglia.

IMG_5874
Peter Luis

Marika è poi riuscita a portare Socci e i suoi vini in tutta Italia, facendoli conoscere, apprezzare, amare!

L’assaggio. Abbiamo assaggiato Peter Luis, metodo classico da uve Verdicchio (vendemmia 2015, 33 mesi sui lieviti): giallo paglierino, naso di agrumi e frutta bianca. In bocca la bollicina si fa sentire: attacco croccante, con agrumi, ritorno di frutta bianca e mandorla dolce e una buonissima persistenza.
L’abbinamento perfetto? Un bel piatto di mazzancolle in saòr.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: