Vai al contenuto

La bottiglia istituzionale del Consorzio Vini Asolo Montello: ecco l’Asolo Prosecco Superiore Docg, rigorosamente Brut

Siamo nella zona di Asolo, uno dei borghi più belli d’Italia. E non solo: la cittadina trevigiana fa da cornice ad un’area di produzione vinicola di valore assoluto che va dai Colli Asolani al Montello, passando per i centri di Nervesa della Battaglia e Fonte.

Le caratteristiche pedoclimatiche di questi luoghi tanto affascinanti quanto suggestivi, le estati non troppo calde e gli autunni miti grazie all’ esposizione dei vigneti a sud, permettono di valorizzare l’uva Glera, seppure in modo diverso  (ma altrettanto interessante) rispetto alle vicine Valdobbiadene e Conegliano.

unnamed
Il nostro assaggio della bottiglia istituzionale

Per ottenere uno spumante strutturato, con aromi e persistenza gustativa degne del vitigno Glera, il Consorzio Vini Asolo Montello ha utilizzato per la “bottiglia istituzionale” – stappata soltanto in occasione di eventi e manifestazioni enogastronomiche –lieviti autoctoni (effettuando campionamenti di uva e prodotto fermentato per la selezione degli stessi) in grado di esprimere le unicità del territorio.

Tutto questo grazie al progetto “Studio e selezione di lieviti autoctoni per la valorizzazione del territorio dell’Asolo Prosecco Superiore”, patrocinato dal Consorzio di Tutela Vini Asolo Montello, che ha dato la possibilità al Gruppo Giovani dello stesso sodalizio di creare una bottiglia che riassumesse le filosofie dei produttori del comprensorio, partendo dalle uve provenienti dai vigneti di Monfumo, esposti a sud-est.

vini.png
Vigneti

Pure la scelta della tipologia Brut non è casuale, visto che la presenza di alte colline (dai 150 ai 400 metri), le forti escursioni termiche, la buona ventilazione e la ricchezza minerale dei terreni si esprimono “alla grande” in un Prosecco dal residuo zuccherino piuttosto basso (9 g/l nel prodotto degustato).

✅ L’assaggio. Questo Asolo Prosecco Superiore Docg si fa apprezzare nel calice con un bel giallo verdolino. Al naso grande schiettezza, in bocca, invece, mela, pera ma anche agrumi, fra acidità e freschezza che si spingono verso note più morbide. Il finale, piuttosto vibrante, richiama i frutti e la mandorla.

Sicuramente un bel Prosecco Superiore, che invita al secondo e al terzo calice. Gli abbinamenti consigliati? Un aperitivo a base di cicchetti veneziani, torte salat, spianata di pizza con mortadella e, per i più temerari,  un bel piatto di “sarde in saor“.

Francesco Vigato

Annunci

Francesco Vigato Mostra tutti

Sono nato a Este, ridente cittadina della provincia di Padova, il 12 gennaio 1990.
Ex calciatore dilettante, mi sono avvicinato al mondo del giornalismo dopo gli esami di maturità. Dal 2009 collaboro con il Mattino di Padova, quotidiano che mi ha permesso di diventare Giornalista Pubblicista.
Ho conseguito la laurea in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Padova con una tesi in Diritto Costituzionale Tributario e attualmente svolgo il tirocinio forense in uno Studio Legale patavino.
Mi interesso di vino: amo i bianchi aromatici ma soprattutto le bollicine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: