«Come si promuovono le bollicine trentine? Aprendo le cantine agli appassionati». Abbiamo parlato di turismo del vino e commercializzazione con Clementina Balter.

IMG_1514
L’Azienda Agricola Balter a Rovereto

Lo ammetto: ho un debole per l’Azienda Agricola Balter. È stato uno dei miei primi assaggi di Trentodoc e, di questo ne sono certo, la prima visita di una cantina del Trentino.

I 10 ettari di vigneto di Balter si trovano nelle vicinanze del magnifico castelletto che domina  la città di Rovereto. Nicola e Giacomo Balter sono vignaioli tosti e certosini, Clementina – la mente commerciale di casa  – è responsabile amministrativa e ambasciatrice delle etichette aziendali.

Negli anni “Clem” è riuscita a far conoscere gli spumanti Balter (che produce anche ottimi vini fermi, rossi e bianchi) con grande tenacia e conoscenza delle dinamiche, diventando esponente di spicco de “Le Donne del Vino”, associazione costituita da produttrici, enologhe,  sommelier, ristoratrici o comunque comunicatrici del mondo del vino.

Con lei abbiamo parlato della promozione delle bollicine Trentodoc e delle etichette dei piccoli produttori. Ecco cosa ci ha raccontato…

Clementina Balter, come si trasmette al consumatore la propria filosofia aziendale?

IMG_1513
Clementina Balter

«Penso che la cosa migliore sia attirare turisti e appassionati in cantina. Mostrare il luogo di produzione, il vigneto e ovviamente la cantina è il modo migliore per far vedere ciò che sta dietro a quella che potrebbe sembrare una semplice bottiglia di spumante. Vogliamo far capire a chi si avvicina alla nostra realtà che non siamo un’industria e che teniamo al nostro territorio, che è pure quello in cui viviamo 365 giorni all’anno».

A quanto pare, dunque, le degustazioni e le rassegne enogastronomiche non bastano …

«Sono importanti, certo, ma la cosa migliore è farsi trovare in cantina, soprattutto nel week-end, quando la gente non ha impegni di lavoro e può dedicarsi alle visite. Alle varie kermesse noi potremmo dire che la nostra è l’azienda più bella del mondo e che pratichiamo questo o quel tipo di agricoltura. Invece no: la visita è un modo trasparente per presentarsi».

FullSizeRender 4
L’elegantissimo Balter Brut. L’azienda produce anche un Rosè e una Riserva

I piccoli produttori della Trentodoc quanto soffrono la “concorrenza” con la Franciacorta?

«Anche se il Trentino ha iniziato prima a produrre bollicine, non è mai riuscito a comunicarlo a dovere. Noi trentini siamo come piccoli orsi di montagna che facciamo le cose fatte molto bene ma non lo diciamo a nessuno. Negli ultimi anni, però, la Trentodoc si sta facendo valere alla grande. Si è fatta largo l’idea che le nostre bollicine non sono soltanto un’alternativa a quelle bresciane ma proprio una realtà d’eccellenza. In questo senso, gli agenti svolgono un grande lavoro, ma non dimentichiamoci internet».

A proposito: quanto “pesa” il web nella promozione del vino?

«Tantissimo. Non si può fare a meno un sito web per la presentazione dei prodotti o anche solo per elencare i contatti aziendali. Poi ci sono i social, che servono a far conoscere le iniziative e a raggiungere i nostri clienti. Noi, per esempio, organizziamo ogni anno l’evento “Briciole in Prato”, al quale partecipano moltissimi roveretani ma che permette pure a tutti gli interessati di visitare la cantina. Insomma, il web è un mezzo fondamentale e lo sarà sempre di più in futuro».

Francesco Vigato

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...