Vai al contenuto

Derbusco Cives e Pinot Nero, binomio vincente

Siamo a Erbusco, comune di appena 9 mila abitanti che, enoicamente parlando, è quasi un sinonimo di Franciacorta Docg. Qui sorge una cantina che già nel nome esprime l’identità del territorio – Derbusco Cives – latinismo che va a focalizzare l’attenzione sui “cittadini di Derbusco” e dal 2004 fra le realtà più conosciute della denominazione per la vocazione qualitativa, fondata da un gruppo di franciacortini “duri e puri” come Luigi Dotti e Giuseppe Vezzoli.

53C8402B-E3DB-4010-87C0-307C22334379
Franciacorta Docg Rosé Brut 2014

Specialità di casa Derbusco è il Pinot Nero, un vitigno che dà del suo meglio fra le montagne trentine e le latitudini borgognone ma che, se trattato coi guanti di velluto, può dare risultati soddisfacenti anche in una Franciacorta che, bisogna dirlo, in questi ultimi anni ha ingaggiato un appassionante testa a testa con il Trento Doc, prendendo pure qualche schiaffone in termini di bevibilità e freschezza dei prodotti.

Derbusco, 12,5 ettari su colline moreniche, ha scelto la strada della selezione per ottenere prodotti più complessi e longevi, dalla fedeltà al mosto fiore fino ad arrivare ai lunghissimi affinamenti sui lieviti (minimo 30 mesi e la messa al bando (ma, sia chiaro, utilizzarlo non è un reato) dello zucchero di canna.

Ritroviamo questa filosofia nelle due etichette assaggiate, il Franciacorta Docg Brut Rosé e il Blanc de Noir Crisalis.

61B26C51-AEA3-44E6-8AD1-075BBA829F26
Franciacorta Docg Crisalis Blanc de Noir 2013

Il Franciacorta Docg Brut Rosè 2014, 100% Pinot Nero, evolve per 44 mesi sui lieviti prima della sboccatura. Al naso frutti rossi (fragolina e mirtilli), in bocca ancora frutti rossi e un agrume (arancia rossa) bello spinto. Un prodotto che oserei definire “pop”, piacevole, beverino, gustoso. Bollicina fine, very good.

Decisamente senza compromessi è invece il Franciacorta Docg Blanc De Noir 2013 “Crisalis”, anche qui Pinot Nero (vinificato in bianco) e 50 mesi sui lieviti. L’eleganza, qui, la fa da padrona: fiori bianchi, erbe, spezie. In bocca ancora spezie e una bella tostatura (data dall’affinamento di parte del vino in barrique) in evidenza.

Etichette, queste, che mi hanno permesso di riappacificarmi, almeno per ora, con una denominazione che, salvo mosche bianche, ultimamente non mi aveva dato grandi soddisfazioni.

Francesco Vigato Mostra tutti

Sono nato a Este, ridente cittadina della provincia di Padova, il 12 gennaio 1990.
Ex calciatore dilettante, mi sono avvicinato al mondo del giornalismo dopo gli esami di maturità. Dal 2009 collaboro con il Mattino di Padova, quotidiano che mi ha permesso di diventare Giornalista Pubblicista.
Ho conseguito la laurea in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Padova con una tesi in Diritto Costituzionale Tributario.
Mi interesso di vino: amo i bianchi aromatici ma soprattutto le bollicine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: