Vai al contenuto

Ecco il Cartizze Brut di Duca di Dolle, il Prosecco Superiore “insolito”

duca-di-dolle-paese
Rolle di Cison di Valmarino

Rolle di Cison di Valmarino: un borgo minuscolo, tutelato dal Fondo Ambiente Italiano per la particolarità del paesaggio, attraversato dalla Strada del Prosecco e accarezzato da brezze prealpine. Qui sorge Duca di Dolle, un relais di pregio (già eremo camaldolese nel 1500) gestito dalla famiglia Baccini. Una Tenuta circondata da vigneti, un’oasi di pace per i clienti, provenienti soprattutto dal Nord Europa.

(In passato fu anche  la “casa delle feste” di Nino Mura, poeta contadino molto noto, soprannominato proprio “Duca di Rolle”, poi “Duca di Dolle”).

duca-di-dolle-antico-edificio
Il Relais dalla vecchia cantina

Ma DDD è anche un’ azienda vinicola emergente. Nel 2011, infatti, i Baccini si sono gettati a capofitto nella produzione di Prosecco Superiore, rilevando (dai Bisol) pure un ettaro a Santo Stefano di Valdobbiadene, sulla collina di Cartizze. In un primo momento si era provato ad insistere sulla certificazione biologica, salvo poi iniziare una collaborazione con le Università di Padova e Udine, oltre alla Scuola Enologica di Conegliano per il perfezionamento di un protocollo interno volto a rispettare la vigna riducendo al minimo l’uso della chimica. Perché, come sostiene Andrea Baccini «come non si può dare la stessa bistecca a un uomo di 50 anni e a un bambino di 2, lo stesso trattamento non può essere effettuato su vigneti di età differenti e con caratteristiche altrettanto diverse». Ora Duca di Dolle si avvale di un gruppo di giovani studiosi e della consulenza di Emanuele Serafin, enologo molto noto dalle parti di Valdobbiadene.

Ma torniamo al Cartizze: Duca di Dolle produce due etichette – Brut ed Extra Dry – della punta della piramide del Valdobbiadene DOCG.

prosecco-duca-di-dolle
La gamma

Le si può considerare quasi un’eccezione nel panorama spumantistico della zona, un prodotto che ha attirato l’attenzione dei consumatori negli ultimissimi anni, più abituati ad un Cartizze cremoso e amabile come il Dry.

IMG_1259
Cartizze Brut

La versione Brut (5 grammi di residuo zuccherino), assaggiata all’aperitivo, tuttavia, ha stupito per la sua precisione: assaggio lungo, intenso,  un bollicina elegante ed equilibrata. Definiti e quasi prevalenti i sentori agrumati. Consigliato per sashimi e capesante gratinate. Insomma, da provare!

 

Francesco Vigato

 

 

 

 

 

Francesco Vigato Mostra tutti

Sono nato a Este, ridente cittadina della provincia di Padova, il 12 gennaio 1990.
Ex calciatore dilettante, mi sono avvicinato al mondo del giornalismo dopo gli esami di maturità. Dal 2009 collaboro con il Mattino di Padova, quotidiano che mi ha permesso di diventare Giornalista Pubblicista.
Ho conseguito la laurea in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Padova con una tesi in Diritto Costituzionale Tributario e attualmente svolgo il tirocinio forense in uno Studio Legale patavino.
Mi interesso di vino: amo i bianchi aromatici ma soprattutto le bollicine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: