Vai al contenuto
Annunci

Metodo Classico in Umbria? Si può! Ecco il Brut Millesimato della Giorgio Lungarotti Winery

L’Umbria può regalare spumanti Metodo Classico di tutto rispetto. Giorgio Lungarotti lo scoprì negli anni ’70, dopo aver testato Pinot Nero e Chardonnay con i tradizionali sistemi di allevamento del centro Italia (palmetta, cortina alta), capaci di dare risultati in linea con i requisiti delle basi spumante “nordiche”, lasciate poi sui lieviti per 24-36 mesi.

15936676_1066923660100977_2992272222595123368_o
La cantina

Ecco perché la Giorgio Lungarotti Winery di Torgiano (PG) vanta una linea apprezzabile di champenoise, con un Brut Millesimato e un Rosè dedicati al momento dell’aperitivo. Tuttavia, per ottenere dei prodotti freschi e beverini ma con una spiccata personalità, agronomi ed enologi aziendali si sono dovuti adattare ai cambiamenti climatici, caratterizzati dall’innalzamento delle temperature medie che hanno determinato un’anticipazione delle epoche di vendemmia e il conseguente lo spostamento dei vigneti destinati alla base spumante nei fondovalle, con esposizione a Nord, al fine di rallentare la maturazione delle uve e conferire vigorie un po’ più marcate per allungare i cicli vegetativi delle piante. In più, la profondità del terreno, tendenzialmente argilloso, è in grado di mantenere una buona capacità idrica nei difficili mesi estivi.

28795229_1470959823030690_2983712226336638855_n
Vignaioli al lavoro

A livello enologico, invece, si è puntato su tempi di permanenza lunghi sulle fecce fini, sul minimo dosaggio e sul “millesimo“. Ogni sboccatura, infatti, offre nuovi spunti e caratteristiche determinati dall’annata.  

In fatto di mercato, Lungarotti sta puntando moltissimo sulla trasversalità e sulle molteplici possibilità di abbinamento. Inoltre, soprattutto nei confini regionali, la cantina di Torgiano si sta affermando attraverso la produzione di un vero e proprio Metodo Classico a “km 0”, dove il rapporto qualità prezzo e il posizionamento in una nicchia votata alla qualità, sta permettendo ai consumatori del centro Italia di trovare un prodotto fortemente rappresentativo.

IMG_7706
Il nostro assaggio

L’assaggio. Con il suo colore giallo dorato brillante con sfumature paglierino, Lungarotti Metodo Classico Brut (50% Chardonnay, 50% Pinot Nero, 24 mesi sui lieviti) presenta un perlage piuttosto fine. Gli aromi sono intensi, precisi, con nocciola e crosta di pane in primo piano e un ritorno di frutta matura. Il sorso è morbido, con la parte alcolica che viene ben bilanciata dalla parte acida. Nel finale si ritrova la nocciola e una buona persistenza. Lo abbiamo abbinato con frittura di pesce e mazzancolle in saor.

Francesco Vigato

Annunci

Francesco Vigato Mostra tutti

Sono nato a Este, ridente cittadina della provincia di Padova, il 12 gennaio 1990.
Ex calciatore dilettante, mi sono avvicinato al mondo del giornalismo dopo gli esami di maturità. Dal 2009 collaboro con il Mattino di Padova, quotidiano che mi ha permesso di diventare Giornalista Pubblicista.
Ho conseguito la laurea in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Padova con una tesi in Diritto Costituzionale Tributario e attualmente svolgo il tirocinio forense in uno Studio Legale patavino.
Mi interesso di vino: amo i bianchi aromatici ma soprattutto le bollicine.

Un pensiero riguardo “Metodo Classico in Umbria? Si può! Ecco il Brut Millesimato della Giorgio Lungarotti Winery Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: