Vai al contenuto

Cantina Rotaliana e i suoi Trentodoc in perfetto equilibrio

Dalla Piana Rotaliana alle alte colline della Val di Non e della Val di Cembra, alla ricerca del perfetto equilibrio fra eleganza e bevibilità.

Cantina-Rotaliana-di-Mezzolombardo-benvenuti_webpage_photo
Cantina Rotaliana

C’è un fil rouge, l’equilibrio appunto, che lega i due Trentodoc di Cantina Rotaliana, realtà di Mezzolombardo, dove Chardonnay e Pinot Nero rafforzano il proprio connubio negli 80 anni di storia di questa giovane cantina sociale, composta da soci di lunga data e contadini per passione.
D’altra parte non è facile riuscire, in realtà sulla carta variegate, ottenere vini di altissimo profilo con un’identità ben definita e un obiettivo, quello di raggiungere tutti i tipi di consumatore, dall’avventore al professionista, dal consumatore medio al wine lover.
Così come non è facile mantenere vivo, fresco e beverino, dopo 80 mesi di sosta sui lieviti, un Brut Riserva 2011, con note tropicali e tostate, ma un’acidità e una facilità di approccio he solo la maestria enologica e una grande capacità di sintesi possono conferire.

Vigneti-Maso-Cervara-1
Vigneti in collina

Nel Brut Riserva 2011 troviamo tutta la sontusità dello Chardonnay, re delle basi spumante e la spensierata complessità del Pinot Nero.

Sembra scontato che da questi due vitigni escano sempre grandi spumanti, soprattutto nelle zone con caratteristiche pedoclimatiche ideali, dal Trentino alla Champagne. Sta di fatto che il lavoro svolto dall’enologo Leonardo Pilati è stato semplicemente fenomenale.

Sia in R Extra Brut  (100% Chardonnay) che in R Riserva (circa 70% Chardonnay e 30 % Pinot Nero) troviamo una bollicina netta, con una direzione ben precisa, una sorta di “cecchino” nella sua coerente eleganza. C’è tutto quello che ci dovrebbe essere in un grande spumante, costi quel che costi. La frutta matura, l’agrume, la nota tropicale, la mandorla, il pan brioche. 

Stupisce, in R Extra Brut, la croccantezza bolla animata dal basso residuo zuccherino (5,40 g/l) così come non pesano gli 80 mesi del Brut Riserva 2011, annata che riconferma, ancora una volta – e a 9 anni di distanza – la regina del decennio (con il 2013).

Due prodotti di pregio assoluto, che meritano l’assaggio, perfetti sia con i piatti della tradizione Veneta e Trentina (bigoli in salsa, ma anche canederli ai formaggi del Primiero o  pesce crudo.

7EE03AAC-0546-44D9-ABAF-2FABCB2D8AC0
R Extra Brut

 

 

 

 

Francesco Vigato Mostra tutti

Sono nato a Este, ridente cittadina della provincia di Padova, il 12 gennaio 1990.
Ex calciatore dilettante, mi sono avvicinato al mondo del giornalismo dopo gli esami di maturità. Dal 2009 collaboro con il Mattino di Padova, quotidiano che mi ha permesso di diventare Giornalista Pubblicista.
Ho conseguito la laurea in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Padova con una tesi in Diritto Costituzionale Tributario.
Mi interesso di vino: amo i bianchi aromatici ma soprattutto le bollicine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: